Un evento rivolto a tutto il pubblico sensibile e interessato alla natura e alla conoscenza delle realtà produttive del latte e formaggio.

info@caseificiagricoli.it

Seguiteci:

PROGETTO CVM – UNA MUCCA PER L’AFRICA

Mission CVM

Oggi come 40 anni fa la sfida di CVM rimane quella di costruire un Mondo più giusto per tutti gli abitanti del pianeta. Con i poveri e non per i poveri, per ridare insieme speranza e dignità in particolare ai popoli del Sud del Mondo. La mancanza di beni essenziali quali cibo, acqua pulita, istruzione privano uomini e donne della possibilità di una vita libera e dignitosa. CVM lavora ogni giorno per un percorso di sviluppo per favorire la liberazione delle loro potenzialità.

Comunità Volontari per il Mondo
cvmap@cvm.an.it
Viale delle Regioni, 6
Porto San Giorgio
Cell. 3809037767

Chi è CVM

Comunità Volontari per il Mondo – CVM è un organismo di volontariato internazionale di ispirazione cristiana fondato nel 1978 da un gruppo di volontari rientrati dall’Africa e dall’America Latina. Da 40 anni CVM promuove nel Sud del mondo progetti di sviluppo e, in Italia, iniziative di sensibilizzazione sui problemi dello squilibrio fra Paesi. Oggi CVM opera in Etiopia e Tanzania, a sostegno delle donne che accompagna, attraverso progetti specifici, nella consapevolezza dei propri diritti: salute, istruzione e lavoro. CVM si impegna anche a favore degli orfani di strada, che sono 800.000 in Etiopia, 1.100.000 in Tanzania. Con CVM i bambini hanno la possibilità di tornare in famiglia e a scuola. L’approvvigionamento d’acqua in Etiopia rappresenta un elemento fondante nella strategia di cooperazione di CVM. Comunità Volontari per il Mondo promuove il ruolo sociale ed economico delle donne. In Etiopia favorisce la nascita di cooperative agricole e di allevamento.

Contesto: L’Etiopia è il secondo Paese africano (dopo la Nigeria) per numero di abitanti stimato a 102,4 milioni [World Bank 2016]. Il numero assoluto di poveri (circa 25 milioni) è rimasto sostanzialmente invariato nel corso degli ultimi quindici anni e raccolto alle aree rurali. L’insicurezza alimentare, che è il risultato della crescita demografica, dell’aumento dei prezzi del cibo e delle recenti ondate di siccità, resta, quindi, una minaccia per la maggior parte delle famiglie. Se si esamina l’Indice di Sviluppo Umano, l’Etiopia risulta essere uno dei paesi più poveri del mondo, collocandosi al 174° posto su 188 paesi presi in considerazione [UNDP 2016].

Il progetto: l’obiettivo del progetto che vede il supporto di Caseifici Agricoli è quello di avere un impatto sociale concreto sulle comunità coinvolte in Etiopia, garantendo l’avvio di 2 cooperative, il sostegno di 42 donne e le relative famiglie con 6 mucche nella Kebele di Debitsa Denkilisa e Zaba Elsa.

L’agricoltura è la principale fonte di sussistenza per la woreda. Le principali colture prodotte includono sorgo, mais, teff, grano, orzo, fagioli, piselli, lenticchie e legumi, noci e patate e enset, una coltura nativa della famiglia delle banane. La sicurezza alimentare in SNNP si sta progressivamente deteriorando a causa del crollo del prezzo del caffè e dell’aumento dei costi dei cereali, dovuti all’insufficienza dei raccolti.

Le prime vittime sono bambini e donne. Recenti studi rivelano che il 63,2% dei bambini presenta segni evidenti di denutrizione, con prevalenza di arresto della crescita, sottopeso e deperimento.

Per questo risulta necessario sostenere l’agricoltura familiare, lo sviluppo di cooperative locali nelle zone rurali sono fonte di sussistenza per l’intera comunità. Le donne costruiscono da sole le stalle dove far crescere le mucche, con il supporto di CVM possono acquistare gli animali da rivendere nel mercato di Laska, unico centro abitato della zona.

ORGANIZZATO IN COLLABORAZIONE CON:

casare_casari

PARTNERS:

CON IL PATROCINIO DI:

MEDIA PARTNER: