fbpx

Saanen

La capra Saanen dalle sue origini nella regione del Saanental e dalle valli del fiume Simme, nel sud del Cantone Bernese, nella Svizzera occidentale, si è rapidamente diffusa, a partire dal XIX secolo, in tutto il mondo, oggi infatti è presente in oltre 80 paesi con una consistenza di circa 900.000 capi di cui 14000 proprio nella terra d’origine. Ampliamente diffusa anche in Italia dove vede le maggiori consistenze nelle regioni dell’arco alpino. Il segreto del suo successo risiede nella sua produttività, essa infatti è una campionessa in fatto di convertire l’alimento in latte. Si presta bene ad un sistema d’allevamento stallino, più che alle lunghe permanenze nei pascoli in quanto la cute ed il mantello sono bianchi, e questo le predispone al rischio di scottature se la radiazione solare fosse troppo intensa. Brucare all’ombra del sottobosco o comunque su terreni alberati può essere il compromesso migliore. La struttura solida e snella, con testa leggera, con o senza corna, è la classica capretta del nonno di Heidi per intenderci.

Giovanni Minelli / zootecnico libero professionista

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.