fbpx

Azienda Agrobiologica Le Tofane di Alberese (GR)

Un volto, una storia.

Una storia che inizia in Veneto e finisce in Maremma quella dell’azienda agricola Le Tofane situata ad Alberese all’interno del parco Naturale della Maremma. Questa zona è terra di coloni veneti che all’epoca delle bonifiche davano il nome di località del nord Italia ai nuovi poderi toscani. Il podere dove oggi sorge l’azienda Agrobiologica gestita da Daniele Francioli prende così nome dal massiccio montuoso che domina Cortina d’Ampezzo.

Daniele Francioli è subentrato alla vecchia gestione a indirizzo cerealicolo e con la moglie Gitana ha iniziato la trasformazione casearia e ottenuto la certificazione di azienda BIO. Oltre alle produzioni casearie si occupano di produzione di olio extra vergine d’oliva, frutta e marmellate.

Oggi ad aiutare Daniele e Gitana ci sono Marika a gestire il pascolo e i cani da guardiania, Nicola ad occuparsi della coltivazione dei terreni e dell’alimentazione del gregge e Marisa, che con i suoi 81 anni, munge, governa, bada a polli e galline e non si ferma un attimo.

Un animale, un allevamento.

Le Tofane ospita 340 pecore di razze Sarda e Lacaune. Tati è la capostipite delle Lacaune, mentre gli ultimi arrivati sono Aldo Giovanni e Giacomo, tre arieti arrivati direttamente dal centro genetico.

Durante tutto l’anno gli ovini si alimentano al pascolo e integrano la loro dieta con fieno o granella aziendali biologici.

Gli angeli custodi del gregge sono i maremmani Ares, Kronos e Athena, condotti dall’impavida Kira.

Un formaggio, una vita.

Daniele e Gitana si occupano personalmente della caseificazione e della stagionatura; producono tutto a lette crudo, dai pecorini classici, tra cui il pecorino toscano DOP, agli affinati, il primosale, la ricotta, lo yogurt. Il prodotto simbolo di Le Tofane è però il Crudele, un formaggio nato dalla ricerca dei profumi e dei sapori della loro infanzia, quando i pastori producevano il formaggio a latte crudo in casa. Per produrlo utilizzano coagulante vegetale da Cynara Cardunculus. Il formaggio stagiona poi da uno a dodici mesi.

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.