fbpx

Blog

Azienda agricola Zore di Taipana (UD)

Un volto, una storia.

Zore è il nome di una località del paese di Taipana; Zore è una parola slovena che significa ‘alba’; Zore è un’azienda agricola fondata da Alessia Berra nel maggio del 2008 a Zore, partendo da zErO, nella speranza che questo progetto rappresentasse una nuova e fiorente alba per un territorio montano economicamente arretrato.

Alessia, laureata in scienze naturali, non voleva solo creare opportunità lavorative per le persone del posto, ma anche e soprattutto dare nuovo valore all’allevamento al pascolo e al forte legame di questo con le tradizioni e l’ambiente locali puntando sulla filiera corta.

Per questa missione Alessia, che con il tempo ha ampliato l’azienda migliorandone anche la sostenibilità aziendale, i prodotti, il packaging, si fa aiutare da Andrea il tuttofare, Elena e Paola le addette vendita e Lidia l’aiutante in caseificio.

Producono formaggi e latticini ed anche salami, salsicce e würstel sempre di capra.

 

Un animale, un allevamento.

Le circa 100 camosciate delle Alpi di Zore vivono prevalentemente al pascolo; tra maggio e ottobre hanno quindi la fortuna di nutrirsi con erbe fresche e arbusti, durante il resto dell’anno la loro alimentazione viene integrata con fieno biologico prodotto in azienda e miscele di cereali no OGM. Tra tutte le caprette c’è sempre qualcuno che si fa notare: Cavallo Pazzo è il più esuberante, Bianchina si distingue per essere affettuosa e chiacchierona, mentre Elda (che vedete in foto) è una delle veterane, come non nominarla?

 

Un formaggio, una vita.

A Zore producono sia formaggi tradizionali come la formaggella, lo stagionato e la ricotta di capra, tutti PAT, sia frutto delle loro sperimentazioni. Nell’ampia offerta casearia di questa azienda troviamo la formaggella, il Latteria Zore, lo stracchino, inoltre formaggi a coagulazione lattica  freschi o stagionati; nonché lo yogurt, il kefir e la ricotta. Quest’ultima in particolare, nella versione affumicata, rappresenta il prodotto simbolo di Zore. Questo latticino è infatti tipico della montagna e l’affumicatura con legno di faggio è una tecnica tramandata dagli avi che permette conservarlo più a lungo. 

La ricotta affumicata di Zore viene prodotta esclusivamente a partire da siero di latte di capra riscaldato a 83º C; successivamente affumicata e lasciata stagionare a 12º C per diversi mesi.

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.