La crescente omologazione di luoghi e culture rende quasi impossibile una fruizione turistica della montagna che non si appiattisca su cliché prevedibili, insapori e insulsi.